081.1975.1975

Centro Prenotazioni Offerte Hotel a Ischia

Servizio GRATUITO, pagamento in Hotel, nessun impegno!

Overlay
Operatori
Alessio
Daniele
Luigi
Antonio
Emanuele
Dario
Il Team
100% Ischia! Siamo tutti operatori locali, a tua disposizione per aiutarti nella scelta e per illustrare le caratteristiche degli alberghi di tuo interesse. Il servizio è GRATIS, nessun costo aggiuntivo è dovuto. Puoi chiamare senza impegno il numero di rete fissa 081.1975.1975, sarai messo in contatto diretto con l'Hotel da te scelto ed avrai diritto al prezzo minimo garantito.
Informazioni Forio d'Ischia Manifestazioni e folklore Forio e il rito sacro del fuoco di Sant'Antonio

Forio e il rito sacro del fuoco di Sant'Antonio - Forio d'Ischia

Forio e il rito sacro del fuoco di Sant'Antonio
Informazioni Forio d'Ischia Manifestazioni e folklore

Forio e il rito sacro del fuoco di Sant'Antonio

Chi festeggia Sant’Antuono, tutto l’anno ‘o pass ‘bbuon.
Il fuoco è l’elemento dinamico per antonomasia, poichè resta sempre uguale a se stesso pur essendo in ogni momento diverso. La sua capacità di sintesi, di conciliazione delle due istanze opposte del divenire e dell’essere, ha ispirato nei secoli filosofi e teologi nella ricerca comune di un simbolo cui ricorrere per dimostrare l’esistenza di un ordine eterno che precede e determina il reale.

Dunque, non solo metafora naturalistica, ma anche politica, civile e religiosa
. Soprattutto in ambito comunitario il fuoco evoca la necessità di tenere costantemente sotto controllo le istanze potenzialmente in grado di minacciare l’unità sociale e perciò, sin dall’antichità, a quest’elemento viene riconosciuto oltre a un potere taumaturgico di risoluzione dei conflitti, anche una funzione purificatrice e benaugurale.

Questa è la cornice di senso del tradizionale fuoco di Sant’Antonio Abate, una ricorrenza antichissima celebrata a Ischia come in diverse altre località della Campania e d’Italia. In località Piellero, a Forio, c’è una cappella che ospita una bella edicola votiva dedicata a Sant’Antuono (come si pronuncia per distinguerlo da Sant’Antonio da Padova) fatta erigere agli inizi del ‘900 dai ciucciai del luogo a devozione del patrono degli animali domestici.



Ogni anno, il 17 gennaio, questi lavoratori dell’indotto agricolo - cui spettava il trasporto dell’uva durante la vendemmia e delle botti di vino per la successiva consegna e commercializzazione in terraferma - si recavano in processione davanti l’effigie del santo con i loro animali da soma. Sul posto avveniva la benedizione delle bestie e degli uomini che a questa ricorrenza attribuivano un forte significato benaugurale, in ossequio alla massima che "chi festeggia Sant’Antuono, tutto l’anno 'o pass 'bbuon".

Al centro della scena un grande falò a simboleggiare, tra l’altro, il graduale, lento, passaggio dall’inverno alla primavera, esattamente come avviene in occasione del fuoco di San Giovanni che saluta invece il solstizio d’estate e l’ingresso della buona stagione. Anche oggi che i ciucciai non ci sono più, scalzati dal progresso in agricoltura da un lato, e dall’economia turistica dall’altro, la tradizione continua con l’annuale appuntamento, sin dalle prime ore del pomeriggio, nei pressi della cappella.

Tra l’altro, è interessante notare come la posizione della stessa - all’inizio di un sentiero che conduce in montagna - non è affatto casuale e si configura come vera e propria "segnaletica simbolica", alternativa e per molto tempo ben più importante della toponomastica ufficiale. Naturalmente, la partecipazione, allora come oggi, è aperta a tutti, perché il fine profondo (come si è visto anche per il rito prenatalizio della benedizione dei pesci) è quello di "stare insieme", ribadendo l’importanza e l’uguaglianza dei legami comunitari.
Forio e il rito sacro del fuoco di Sant'Antonio 0 Forio e il rito sacro del fuoco di Sant'Antonio 1
Articoli correlati...


PRENOTA CON UNA PICCOLA CAPARRA RIMBORSABILE, POI SALDA IN HOTEL! DISPONIBILITÀ LIMITATA. Scopri!
02/10/2022 08:32:21