081.1975.1975

Centro Prenotazioni Offerte Hotel a Ischia

Servizio GRATUITO, pagamento in Hotel, nessun impegno!

Overlay
Operatori
Alessio
Daniele
Luciana
Luigi
Antonio
Emanuele
Dario
Il Team
100% Ischia! Siamo tutti operatori locali, a tua disposizione per aiutarti nella scelta e per illustrare le caratteristiche degli alberghi di tuo interesse. Il servizio è GRATIS, nessun costo aggiuntivo è dovuto. Puoi chiamare senza impegno il numero di rete fissa 081.1975.1975, sarai messo in contatto diretto con l'Hotel da te scelto ed avrai diritto al prezzo minimo garantito.
Per i nostri Clienti siamo il n°1! Molto Buono 8.5

Su 1673 recensioni

Informazioni Isola d'Ischia Artisti di Ischia Truman Capote a Ischia

Truman Capote a Ischia - Isola d'Ischia

Truman Capote a Ischia
Informazioni Isola d'Ischia Artisti di Ischia

Truman Capote a Ischia

Brevi cenni sul soggiorno a Forio del grande scrittore americano Truman Capote Steckfus Persons
Qualche tempo fa la Garzanti Libri ha pubblicato "Ritratti e osservazioni. Tra giornalismo e letteratura", un ampio volume che raccoglie il meglio degli articoli prodotti per giornali e riviste dal grande scrittore americano Truman Capote (1924 - 1984). All’interno di questa raccolta c’è un reportage molto dettagliato del soggiorno a Forio dell’autore di Colazione da Tiffany e soprattutto di A sangue freddo, i due libri che lo hanno consacrato nell’olimpo della letteratura mondiale.

Nel 1949, anno in cui si reca a Forio insieme al suo storico compagno Jack Dunphy, Truman Capote ha solo 25 anni e non è ancora un romanziere di successo, anche se ha già suscitato l’attenzione della critica con il suo romanzo d’esordio Altre voci, altre stanze. È però un cronista di buon livello, collaboratore del New Yorker e mostra già quell’attenzione al dettaglio, anche frivolo, che sarà poi la sua cifra stilistica, capace di affreschi psicologici dei suoi personaggi, di descrivere lo spirito di un luogo, muovendo da contesti banali, all’apparenza quasi insignificanti.



Fedele a questo stile, leggero ma non superficiale, anche il report sul suo soggiorno ischitano, durato 4 mesi, trascorsi presso la Pensione Di Lustro, appena all’ingresso di Forio. Capote sbarca ad Ischia spinto dalla curiosità verso un’isola di cui, come ricorda nei suoi appunti: «se ne parlava molto, ma pochi a quanto pare l'avevano vista realmente» e mosso, forse, anche dalla sua perversa passione per il macabro, stuzzicata dallo schianto - avvenuto due anni prima -  di un aereo inglese sulle pendici del Monte Epomeo, con annessi aneddoti sui numerosi atti di sciacallaggio del relitto che sarebbero stati perpetrati dai locali residenti nelle vicinanze dell’accaduto. Insomma, nessuna motivazione particolare, ma tutti gli ingredienti paesaggistici e umani per un’esplorazione profonda di quel Sud Europa che all’epoca attraeva molti artisti e letterati d’oltreoceano, alla ricerca di un "altrove" esotico che fosse di ispirazione per le loro creazioni.

Capote descrive il suo arrivo al Porto d’Ischia, luogo da cui: «la maggior parte della gente raramente se ne allontana, perché vi sono alcuni alberghi ottimi, spiagge eccellenti e, appollaiato al largo come un gigantesco sparviero, il castello rinascimentale di Vittoria Colonna», passando di seguito in rassegna il successivo arrivo a Forio, a bordo di un carretto: «in un crepuscolo verde, sotto un cielo di prime stelle, dove le barche da pesca, illuminate da torce, strisciavano come lucenti ragni d'acqua».
Lo scrittore dà l’impressione di un’immediata familiarità con i luoghi
, probabilmente per il fatto di essere egli stesso uomo del Sud, nato a New Orleans, cresciuto nello stato dell’Alabama, arrivando a descrivere con trasporto la scoperta della Sgarrupata di Barano:

«Il sentiero
corre su rocce vulcaniche che scendono a picco; ci sono tratti in cui è meglio chiudere gli occhi: sarebbe una caduta spaventosa, e gli scogli sottostanti sembrano dinosauri in letargo. Seguendo le tracce dei papaveri arrivammo ad una strana spiaggia nascosta. [...] In una roccia il mare aveva scavato un sedile, ed era bellissimo mettersi là e lasciarsi investire dalle onde: sdraiandoci al sole, ci volgemmo a guardare gli scogli, e vedemmo anche i verdi filari di viti e la montagna incappucciata dalle nuvole».
Efficace anche la descrizione della Processione dell’Immacolata per le vie di Forio, quando: «le vecchie avevano tirato fuori i loro scialli più lunghi, gli uomini si erano pettinati i baffi, e all'idiota del paese avevano fatto indossare una camicia pulita e i bambini, vestiti di bianco, avevano ali d'angelo di cartone dorato legate con cinghie alle spalle».

Un affresco veritiero e preciso della natura e della popolazione dell’isola d’Ischia
nell’immediato dopoguerra, condito dall’immancabile frivolezza di giornate trascorse ai tavolini del mai celebrato abbastanza Bar Maria, dove in certe mattinate poteva capitare di trovare seduti uno accanto all’altro, ciascuno rispettoso dell’altrui privacy, due premi pulitzer come il grande W.H. Auden e il giovane Truman Capote, i pittori tedeschi Eduard Bargheer e Werner Gilles, oltre a tanti altri personaggi, noti e meno noti, del mondo dell’arte e della letteratura del ‘900.  
Articoli correlati...