081.1975.1975

Centro Prenotazioni Offerte Hotel a Ischia

Servizio GRATUITO, pagamento in Hotel, nessun impegno!

Overlay
Operatori
Alessio
Daniele
Luciana
Luigi
Antonio
Emanuele
Dario
Il Team
100% Ischia! Siamo tutti operatori locali, a tua disposizione per aiutarti nella scelta e per illustrare le caratteristiche degli alberghi di tuo interesse. Il servizio è GRATIS, nessun costo aggiuntivo è dovuto. Puoi chiamare senza impegno il numero di rete fissa 081.1975.1975, sarai messo in contatto diretto con l'Hotel da te scelto ed avrai diritto al prezzo minimo garantito.
Per i nostri Clienti siamo il n°1! Molto Buono 8.5

Su 520 recensioni

Informazioni Lacco Ameno Manifestazioni e folklore La festa di Santa Restituta

La festa di Santa Restituta - Lacco Ameno

La festa di Santa Restituta
Informazioni Lacco Ameno Manifestazioni e folklore

La festa di Santa Restituta

Ricorrenza religiosa che scandisce il tempo dell’estate sull’isola d’Ischia
Compatrona, insieme a San Giovan Giuseppe Della Croce, dellisola d’Ischia, Santa Restituta è la patrona di Lacco Ameno, piccolo comune a nord dell’isola. I festeggiamenti liturgici in suo onore ricorrono annualmente dall’08 al 18 maggio, anche se la festa vera e propria va dal 16 al 18 del mese.

Leggenda vuole che la Santa sia giunta sulle coste di Lacco Ameno dal
Nord Africa (secondo alcune fonti da Cartagine, oggi sobborgo di Tunisi, secondo altre da Biserta, città costiera della Tunisia) a bordo di una barca cosparsa di pece e stoppa.

Nelle intenzioni dei persecutori la giovane donna doveva essere bruciata
in mezzo al mare per non aver rinnegato, nemmeno sotto tortura, la fede in Cristo, ribadita anche in occasione dell’interrogatorio condotto dai commilitoni romani alla presenza del proconsole Anulino, esecutore nel Maghreb della volontà dell’imperatore Diocleziano (244 - 311), artefice della più vasta e sanguinosa persecuzione ufficiale dei cristiani nell'impero.



Al contrario delle previsioni però, la barca ad andare a fuoco fu quella occupata dai suoi carnefici
, il che consentì alla giovane martire africana di andare alla deriva serenamente, senza l’onta delle fiamme. Fu così che giunse sulle coste dell’isola Aenaria, approdando per la precisione in località San Montano, dove viveva una matrona cristiana di nome Lucina che, avvertita in sogno dello sbarco della Santa, si recò sulla spiaggia, dove effettivamente trovò l’imbarcazione arenata con il corpo esanime, ma intatto, di Restituta.

Non solo. Incredibilmente nella baia fiorirono tantissimi gigli bianchi (del genere Lilium Candidum)
che da quel momento in poi vennero associati alla figura della martire africana, cui la matrona Lucina, insieme alla popolazione accorsa, diede solenne sepoltura alle falde dell’attuale Monte Vico in Lacco Ameno, dove oggi sorge un Santuario dedicato alla Santa.

Questa storia, ancora oggi al centro della Rappresentazione
che ne viene data sulla spiaggia di San Montano il 16 maggio di ogni anno, affascinò tantissimo il poeta francese Alphonse de Lamartine che, proprio alla martire africana, storicamente considerata uno dei martiri di Abitina (49 cristiani giustiziati nel 304 in Tunisia, per non aver rinunciato alla loro fede, sono venerati come santi dalla Chiesa Cattolica), dedicò una poesia, "Il Giglio di Santa Restituta", datata 30 agosto 1844.

Anche senza soffermarsi sugli aspetti religiosi collegati alla ricorrenza
, resta il fascino di una festa che, di fatto, scandisce il tempo dell’estate sull’isola d’Ischia, arricchita dal trasporto dei fedeli e dalla presenza di tanti turisti che trovano nelle ricorrenze religiose di Ischia ulteriori motivi di bellezza che fanno il paio con le meraviglie paesaggistiche e ambientali della più grande delle isole del Golfo di Napoli.
La festa di Santa Restituta 0 La festa di Santa Restituta 1 La festa di Santa Restituta 2 La festa di Santa Restituta 3 La festa di Santa Restituta 4 La festa di Santa Restituta 5
Articoli correlati...