081.1975.1975

Centro Prenotazioni Offerte Hotel a Ischia

Servizio GRATUITO, pagamento in Hotel, nessun impegno!

Overlay
Operatori
Alessio
Daniele
Luciana
Luigi
Antonio
Emanuele
Dario
Il Team
100% Ischia! Siamo tutti operatori locali, a tua disposizione per aiutarti nella scelta e per illustrare le caratteristiche degli alberghi di tuo interesse. Il servizio è GRATIS, nessun costo aggiuntivo è dovuto. Puoi chiamare senza impegno il numero di rete fissa 081.1975.1975, sarai messo in contatto diretto con l'Hotel da te scelto ed avrai diritto al prezzo minimo garantito.
Per i nostri Clienti siamo il n°1! Molto Buono 8.5

Su 520 recensioni

Informazioni Casamicciola Terme Storia ed Archeologia Il terremoto di Casamicciola del 28 luglio 1883

Il terremoto di Casamicciola del 28 luglio 1883 - Casamicciola Terme

Il terremoto di Casamicciola del 28 luglio 1883
Informazioni Casamicciola Terme Storia ed Archeologia

Il terremoto di Casamicciola del 28 luglio 1883

I 13 secondi che sconvolsero Casamicciola Terme
Nel bel libro del geologo ischitano Massimo Mattera "Il vulcano Ischia" (Imagaenaria 2011) ci sono molti e importanti spunti per comprendere meglio l’origine e il susseguirsi dei fenomeni eruttivi e sismici dell’isola d’Ischia. A proposito di questi ultimi, Mattera, in linea con gli studi del grande geologo Alfred Rittmann, ne individua la probabile origine nella fase di risorgenza dell’horst del Monte Epomeo, all’incirca 28.000 anni fa. La spinta verticale del tufo verde eruttatto poco meno di 30.000 anni prima (ca.55.000 a. C.), avrebbe creato dei sistemi di faglie e fratture responsabili, congiuntamente al verificarsi di movimenti differenziali delle rocce più superficiali, dei successivi fenomeni sismici locali. Quel che sorprende nella ricostruzione dello studioso ischitano è che la stragrande maggioranza dei terremoti che hanno interessato l’isola d’Ischia a partire dal 1228 hanno per epicentro Casamicciola Terme (pag.118-119). Più avanti nel libro, lo studioso cita un pioneristico studio di tale professor Palmieri, primo direttore dell’Osservatore Vesuviano, che, a proposito del terremoto del 4 marzo 1881 (due anni prima del tristissimo evento del 28 luglio 1883) ipotizzò che esso fosse stato prodotto da una serie di crolli del sottosuolo ischitano, indebolito dalla abbondante circolazione di acque minerali dall’elevata capacità corrosiva. Ciò spiegherebbe anche la ridotta area di propagazione (area epicentrale) del sisma e di converso la sua maggiore potenza in superficie. Proprio quello che successe il 28 luglio del 1883, quando una scossa del X grado della scala Mercalli, durata soli 13 secondi, inghiottì buona parte di Casamicciola Terme, danneggiando seriamente Lacco Ameno e parte di Forio, ma risparmiando quasi del tutto il vicino comune di Ischia.

Il bilancio tra morti, feriti, immobili crollati o seriamente danneggiati, fu catastrofico: dei 2333 morti totali sull’isola, 1784 nella sola Casamicciola (quasi il 40% dei residenti della ricca cittadina termale), mentre - fatto curioso - delle tante strutture ricettive presenti nel comune, l’unica a salvarsi fu il famoso Hotel Manzi ubicato a Piazza dei Bagni, non l’ospizio del Pio Monte della Misericordia, che fu ricostruito a ridosso della costa, non la pensione Villa Verde, dove soggiornava la famiglia del filosofo Benedetto Croce.



La risposta del governo di allora, presidente del consiglio Agostino Depretis, fu rapida ed efficace sia per la tempestività con cui vennero messi a disposizione uomini e mezzi, sia per lo stanziamento immediato di risorse da destinare alla ricostruzione e alla creazione ex novo di rioni baraccali in cui dislocare la popolazione rimasta senza abitazione. Anche sul piano scientifico, del monitoraggio dei fenomeni eruttivi e sismici, furono fatti passi da gigante con la realizzazione del primo Osservatorio Geofisico in Italia, sulla collina della Sentinella, nella parte alta di Casamicciola.


A distanza di 130 anni ormai, della vicenda rimangono molte evidenze storiche come articoli di giornali, interviste, ricostruzioni autobiografiche, documenti pubblici e soprattutto i proverbi e i modi di dire, in qualche modo emblematici della temperie sociale e culturale del tempo. Due in particolar modo: "qui succede Casamicciola" che rimarca la portata devastante della scossa, oppure "il terremoto dei ricchi", come fu ribattezzato dalla stampa nazionale dell’epoca per sottolineare la presenza di molti villeggianti facoltosi che erano soliti coniugare vacanza balneare e cure termali, sfruttando gli effetti benefici delle rinomatissime acque termali delle sorgenti di Casamicciola. 

Articoli correlati...