081.1975.1975

Centro Prenotazioni Offerte Hotel a Ischia

Servizio GRATUITO, pagamento in Hotel, nessun impegno!

Overlay
Operatori
Alessio
Daniele
Luigi
Antonio
Emanuele
Dario
Il Team
100% Ischia! Siamo tutti operatori locali, a tua disposizione per aiutarti nella scelta e per illustrare le caratteristiche degli alberghi di tuo interesse. Il servizio è GRATIS, nessun costo aggiuntivo è dovuto. Puoi chiamare senza impegno il numero di rete fissa 081.1975.1975, sarai messo in contatto diretto con l'Hotel da te scelto ed avrai diritto al prezzo minimo garantito.
Informazioni Isola d'Ischia Artisti di Ischia Il pittore di Forio Gino Coppa e la passione per l'Africa

Il pittore di Forio Gino Coppa e la passione per l'Africa - Isola d'Ischia

Il pittore di Forio Gino Coppa e la passione per l'Africa
Informazioni Isola d'Ischia Artisti di Ischia

Il pittore di Forio Gino Coppa e la passione per l'Africa

L'arte etnica di Gino Coppa
Nella pittura di Coppa affiora sempre il senso di una cultura vasta e composita, assimilata attraverso esperienze profonde, scelte intelligenti, filtrate da una sensibilità acuta e vibrante, che nulla lascia al caso e all’improvvisazione, al puro gioco formale”.
(Paolo Ricci, Artisti dell’isola d’Ischia, a cura di Massimo Ielasi, Società Editrice Napoletana, 1982)

Roma, Istanbul, Francoforte, Berlino, Monaco di Baviera, Parigi, e poi ancora Austria, Grecia, Svizzera, sono le città e le nazioni in cui ha esposto il pittore foriano Gino Coppa, probabilmente l’artista isolano, insieme a Mario Mazzella, che ha raccolto i maggiori successi di critica e di pubblico a livello internazionale. A ulteriore dimostrazione dell’esistenza di una scuola ischitana di pittura nel ‘900, su cui tuttavia ancora non si è indagato e studiato a sufficienza.

Nell’arte di Gino Coppa convivono cultura alta e temi popolari, con una forte caratterizzazione etnica che è presente in tutti i cicli pittorici dell’artista: dalla produzione giovanile, dominata dalla realtà paesana colta negli aspetti rituali e folcloristici (processioni, feste, scene di pescatori, contadini, paesaggi foriani); al periodo africano, dove matura e si consolida quello che il critico e giornalista Paolo Ricci ha definito un approccio artistico "anti-idealista"; fino al ciclo dei bambini, durante il quale l’osservazione quotidiana dei sui tre figli diventa l’occasione per una riflessione più profonda sul mondo dell’infanzia, tra l’altro, senza nessuna concessione idilliaca e pedagogica.



Certo, il talento evidente sin dalla prima infanzia e l’incontro a Forio con il pittore tedesco Eduard Bargheer, da cui apprende e fa sua la lezione dell’espressionismo tedesco, hanno giocato un ruolo decisivo nella vita di Gino Coppa, ma è stato il cosidetto “periodo africano” - che va dal 1957, anno della prima lunga esplorazione del Centro Africa (Congo, Kenia, Uganda), alle successive visite, negli anni ‘70, dell’Africa sub-sahariana - quello che ha maggiormente inciso sulla sua vita d’artista e ne ha decretato la fama internazionale.

Il contatto artistico con l’Africa non è stato ispirato dalla condiscenza buonista del “civilizzato” di fronte al “selvaggio”. Al contrario, vivere l’Africa è stata un’ esperienza politica e filosofica, illuminata dalla consapevolezza delle diseguaglianze e della loro matrice economica (di qui la militanza comunista), insieme alla maturazione di un personale processo creativo, appreso dall’arte africana, che va dal generale al particolare e non come nell’arte classica, dall’individuo all’ideal-tipo.  

Dunque il profilo di un artista complesso, domestico e cosmopolita allo stesso tempo, che ha assimilato il particolare clima culturale internazionale che si respirava a Ischia negli anni ‘50 piegandolo però alla propria poetica. Soprattutto un artista che ha ottenuto grande riconoscimento senza in fondo mai perseguirlo, continuando a vivere e a lavorare in solitudine nel suo studio, nella sua Forio.

 
Articoli correlati...


PRENOTA CON UNA PICCOLA CAPARRA RIMBORSABILE, POI SALDA IN HOTEL! DISPONIBILITÀ LIMITATA. Scopri!
29/05/2022 13:16:27