081.1975.1975

Centro Prenotazioni Offerte Hotel a Ischia

Servizio GRATUITO, pagamento in Hotel, nessun impegno!

Overlay
Operatori
Alessio
Daniele
Luigi
Antonio
Emanuele
Dario
Il Team
100% Ischia! Siamo tutti operatori locali, a tua disposizione per aiutarti nella scelta e per illustrare le caratteristiche degli alberghi di tuo interesse. Il servizio è GRATIS, nessun costo aggiuntivo è dovuto. Puoi chiamare senza impegno il numero di rete fissa 081.1975.1975, sarai messo in contatto diretto con l'Hotel da te scelto ed avrai diritto al prezzo minimo garantito.
Informazioni Isola d'Ischia Monumenti e luoghi d'interesse Le parracine ischitane

Le parracine ischitane - Isola d'Ischia

Le parracine ischitane
Informazioni Isola d'Ischia Monumenti e luoghi d'interesse

Le parracine ischitane

Quando le pietre raccontano.
Ischia è un'isola pietrosa, con una grandissima quantità di materiale lavico storicamente utilizzato per i più disparati usi: per costruire cantine, cellai, cisterne e case, innanzitutto; ma anche per tirar su i muri di confine, le mitiche "parracine".

In realtà si tratta molto più che di semplici muri a delimitazione della proprietà: le "parracine" (dal greco, "parakeimai" in italiano "stare accanto") servivano - e servono ancora - a contenere e a proteggere gli appezzamenti di terreno. Contenere dal rischio frana e proteggere dal vento e dall'acqua garantendo il normale deflusso delle piogge.

I muri a secco ischitani sono quasi tutti tirati su con la pietra di tufo verde, di cui c'è gran quantità nel versante sud-occidentale del Monte Epomeo. Circostanza che abbiamo evidenziato nella descrizione del paesaggio del vino ischitano che presenta grandi differenze nei due lati dell'isola: nella costa orientale, infatti, i muri a secco sono in molti casi addirittura assenti, e quando sono presenti servono prevalentemente a delimitare i confini tra le proprietà.



LEGGI ANCHE: Il paesaggio del vino di Ischia

Oltre a questa, l'altra particolarità delle parracine è che si trovano ben oltre i 500 metri sul livello del mare, a dimostrazione che un tempo, su per giù fino agli anni '50 del secolo scorso, la vite veniva coltivata dove adesso ci sono i boschi dei Frassitelli e della Falanga. Specie in quest'ultimo, la presenza di cantine e palmenti per la pigiatura dell'uva non lascia dubbi a riguardo. Anche ai Frassitelli, però, c'è un bellissimo arco in pietra che segnala il sentiero per la "Pietra dell'Acqua", mega blocco di tufo verde riadattato a cisterna per la raccolta dell'acqua piovana.

LEGGI ANCHE: Il sentiero della Pietra dell'Acqua

Insomma, le parracine sono un altro capitolo delle pietre dell'isola d'Ischia celebrate dal poeta locale Giovan Giuseppe Cervera: esse sono la dimostrazione della grande capacità di adattamento all'ambiente circostante delle antiche maestranze ischitane: il mastro parracinaio, infatti, è una figura a metà tra l'agricoltore e l'operaio edile specializzato. Magia dell'isola d'Ischia!

Potrebbe interessare anche:
Le pietre dell'isola d'Ischia
Le parracine ischitane 0 Le parracine ischitane 1 Le parracine ischitane 2 Le parracine ischitane 3 Le parracine ischitane 4 Le parracine ischitane 5 Le parracine ischitane 6 Le parracine ischitane 7 Le parracine ischitane 8 Le parracine ischitane 9 Le parracine ischitane 10 Le parracine ischitane 11
Articoli correlati...


PRENOTA CON UNA PICCOLA CAPARRA RIMBORSABILE, POI SALDA IN HOTEL! DISPONIBILITÀ LIMITATA. Scopri!
06/10/2022 10:39:38